Tarassaco per i chili di troppo

Amici, ci siamo! Finalmente la Primavera è alle porte e, con la bella stagione, anche noi desideriamo sbocciare.
Sfilando i maglioni e le calze coprenti, però, capita a tutti di ritrovarsi con qualche rotolino di troppo, frutto delle scorpacciate e del clima invernale (se siete stati rapiti dai piatti genuini dei nostri Lamberto e

Robert, ne avete unicamente guadagnato!).
Il desiderio di riscoprirci energici ed in sintonia col nostro corpo ci ha portato a chiedere consiglio a Joanna, la superba responsabile del centro Benessere che con esperienza e competenza ci ha illustrato validissimi consigli.
Avete mai provato

il Tarassaco detto anche Dente di leone?
Sembra che questa radice miracolosa abbia proprietà depurative ed antinfiammatorie, favorisca la purificazione del corpo e lo aiuti nella digestione.
Nella tradizione contadina il tarassaco è anche conosciuto come “piscialetto”, appellativo che suggerisce le proprietà diuretiche della sostanza. Di tali proprietà sono responsabili i flavonoidi e in parte i sali di potassio, che stimolano la diuresi favorendo l’eliminazione dei liquidi in eccesso. La sua assunzione è perciò indicata in caso di ritenzione idrica, cellulite e ipertensione.
In Primavera lo puoi consumare come un insalata. L’amarezza della pianta può essere addolcita con un goccio d’olio d’oliva.
Oppure, se preferite, può essere consumata sottoforma di tisana: essiccate 15 g di radici di Tarassaco e fattele bollire per circa 5 minuti in 200 ml di acqua.
Lasciate riposare per 5 minuti, filtrate la bevanda, aggiungete del miele e bevete!

Non vediamo l’ora di sapere cosa ne pensate!